Malattia di Kawasaki, l’appello dei pediatri: “coi primi sintomi portate bambini in ospedale”

Normalmente i sintomi tipici sono febbre alta persistente, eruzione cutanea, alterazioni delle mucose e delle estremità.Cruciale, in questo caso, una pronta diagnosi che consenta il trattamento dei bambini entro 10 giorni. “Ma sappiamo che in questo periodo la paura del coronavirus sta tenendo lontani dagli ospedali. Un errore grave – ribadisce l’esperto. Normalmente i sintomi tipici sono febbre alta persistente, eruzione cutanea, alterazioni delle mucose e delle estremità. La mia raccomandazione è quella di non sottovalutare i sintomi spia: febbre sopra 38,5 per cinque giorni, che non risponde a terapia, congiuntivite non secretiva, linfonodo laterocervicale ingrandito, gonfiore del dorso delle mani o dei piedi, labbra e lingua ingrossata, macchie sul corpo. Se la febbre è accompagnata da almeno 4 sintomi, che possono apparire anche non contemporaneamente, allora si fa una diagnosi di sindrome di Kawasaki”, spiega il pediatra. La malattia di Kawasaki “è una vasculite, che a volte interessa le arterie coronariche. La fascia d’età più colpita e da 1 a 5 anni (75%) – ricorda Villani -. Possono svilupparsi aneurismi delle arterie coronariche e rompersi o causare infarto del miocardio. La terapia, se attuata in tempo, permette di non avere esiti importanti, ma il fattore tempo è fondamentale: il timore di portare i bambini in ospedale per paura del coronavirus li espone a seri rischi. Inoltre bisogna dire che non tutti i casi di Kawasaki rilevati erano positivi a Covid-19: ecco perché il monitoraggio in corso sarà cruciale per fare chiarezza”, conclude il pediatra.