Isernia: Deferiti all’Autorità Giudiziaria il titolare e amministratore di una società operante nel settore dell’edilizia stradale, per violazione della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

Prosegue l’azione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Isernia, quotidianamente impegnati nel capillare controllo del territorio teso a garantire il rispetto della legalità giuridica, finanche sui luoghi di lavoro. In particolare i Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro (N.I.L.) unitamente all’Arma territoriale, nel corso dei servizi straordinari “anti caporalato” disposti in ambito Nazionale, hanno deferito alla locale Magistratura il titolare e l’amministratore di una società operante nel settore dell’edilizia stradale i quali ritenuti  responsabili di violazioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro. Nello specifico, a seguito della verifica, i militari dell’Arma accertavano le violazioni inerenti alla mancata idoneità della mansione svolta e impiego di lavoratori non risultanti dalla documentazione obbligatoria (lavoro nero). E’ scattata così la maxisanzione per lavoro irregolare nei confronti dei titolari adottando, infine, il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale elevando sanzioni amministrative per complessivi euro 12,800 (dodicimila) e comminando ammende per un importo pari a euro15,000 (quindicimila).