IL PROGETTO “SPAZI AGGREGATIVI DIFFUSI” SBARCA A CONCA CASALE!

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO. Ha preso il via oggi e sarà attivo ogni venerdì pomeriggio a Conca Casale il servizio “Spazi Aggregativi Diffusi”. Il progetto destinato ai bambini e ai ragazzi dai 6 ai 18 anni, che ha riscosso grande successo e partecipazione, prevede sostegno e supporto allo studio, orientamento scolastico ed al mondo del lavoro, attività aggregative e socializzanti, laboratori artistici, attività sportive, uscite sul territorio e uno Spazio Ascolto, nella convinzione che davvero “L’istruzione e la formazione sono le armi più potenti che si possono utilizzare per cambiare il mondo” (Nelson Mandela). Ad occuparsi delle attività è l’Associazione Educativa Pedagogica Petrarca. L’amministrazione comunale crede fortemente nel progetto destinato alle nuove generazioni e che si incardina perfettamente nel programma amministrativo “Conca Casale Riparte 20_30” dove cultura e politiche sociali sono imprescindibili. Nella visione dell’amministrazione comunale hanno infatti un ruolo prioritario per lo sviluppo del paese e della comunità. «Avviare gli “Spazi Aggregativi Diffusi” è stata una scelta derivata dalla consapevolezza della mancanza sul nostro territorio di adeguate politiche di sostegno e supporto ai giovani – afferma la consigliera comunale Gloria De Pasquale -. Il progetto è quello di uno spazio intermedio tra scuola, casa e strada, tra coetanei ed adulti. Un’iniziativa innovativa e mai vista prima a Conca Casale che vuole diventare sempre di più una comunità attenta e interessata ai bisogni dei/lle più piccoli/e. Chiaramente, le attività si svolgono rispettando tutte le normative di sicurezza dovute all’emergenza Covid-19». «Aderendo agli “Spazi Aggregativi Diffusi”, progetto fortemente voluto dalla consigliera comunale incaricata delle Politiche sociali Gloria De Pasquale e sin da subito supportato dall’intera amministrazione comunale, vogliamo stimolare pratiche di cittadinanza attiva e vogliamo dare sostegno alla cultura e alla formazione, a 360 gradi – dichiara il sindaco Riccardo Prete, con delega alla Cultura -. Tutti i servizi offerti dall’Aepp sono totalmente gratuiti per i partecipanti e le famiglie: in questa prima fase il Comune farà uno sforzo economico che siamo sicuri verrà abbondantemente “ripagato” in termini di crescita dei nostri piccoli cittadini e di sviluppo della comunità casalese. La nostra prospettiva non è (solo) oggi, ma le prossime generazioni: questo non è uno slogan ma il nostro modo di fare e intendiamo dimostrarlo con i fatti».