DA NEW YORK – Quanto dura la protezione dai vaccini COVID-19?

Gli esperti non lo sanno ancora perché stanno ancora studiando le persone vaccinate per vedere quando la protezione potrebbe svanire. L’efficacia dei vaccini contro le varianti emergenti determinerà anche se, quando e con che frequenza potrebbero essere necessari ulteriori colpi. “Abbiamo informazioni solo fino a quando i vaccini sono stati studiati”, ha detto Deborah Fuller, ricercatrice sui vaccini presso l’Università di Washington. “Dobbiamo studiare la popolazione vaccinata e iniziare a vedere, a che punto le persone diventano di nuovo vulnerabili al virus? ” Finora, la sperimentazione in corso di Pfizer indica che il vaccino a due dosi dell’azienda rimane altamente efficace per almeno sei mesi e probabilmente più a lungo. Le persone che hanno ricevuto il vaccino di Moderna avevano anche livelli notevoli di anticorpi anti-virus sei mesi dopo la seconda iniezione richiesta.  Anche gli anticorpi non raccontano l’intera storia. Per combattere gli intrusi come i virus, il nostro sistema immunitario ha anche un’altra linea di difesa chiamata cellule B e T, alcune delle quali possono rimanere in giro molto tempo dopo che i livelli di anticorpi si sono ridotti. Se incontrano lo stesso virus in futuro, quelle cellule testate in battaglia potrebbero potenzialmente entrare in azione più rapidamente. Anche se non prevengono completamente la malattia, potrebbero aiutare a smorzarne la gravità. Ma quale ruolo potrebbero svolgere queste cellule di “memoria” con il coronavirus – e per quanto tempo – non è ancora noto. Mentre gli attuali vaccini COVID-19 dureranno probabilmente per almeno un anno circa, probabilmente non offriranno protezione per tutta la vita, come con i colpi di morbillo, ha detto la dott.ssa Kathleen Neuzil, esperta di vaccini presso la University of Maryland School of Medicine. “Sarà da qualche parte nel mezzo di quella gamma molto ampia”, ha detto. Le varianti sono un altro motivo per cui potremmo aver bisogno di uno scatto aggiuntivo. Gli attuali vaccini sono progettati per funzionare contro una particolare proteina spike sul coronavirus, ha affermato Mehul Suthar dell’Emory Vaccine Center. Se il virus muta abbastanza nel tempo, potrebbe essere necessario aggiornare i vaccini per aumentarne l’efficacia.  Finora, i vaccini sembrano protettivi contro le notevoli varianti emerse, anche se un po ‘meno rispetto a quello rilevato per la prima volta in Sud Africa. Se risulta che abbiamo bisogno di un altro colpo, una singola dose potrebbe estendere la protezione dei colpi attuali o contenere la vaccinazione per una o più varianti. La necessità di iniezioni di follow-up dipenderà anche in parte dal successo della spinta alla vaccinazione a livello globale e dalla riduzione della trasmissione del virus e delle varianti emergenti.                                                                         Fonte By CANDICE CHOI Associated Press